• avdat.jpg
  • slide_jerusal.jpg
  • slide_panoram.jpg
  • boker.jpg
  • cipro_agios.jpg
  • turchia_collage.jpg
  • masadastairs.jpg
  • lampade-appese.jpg
  • slide_spik.jpg
  • agora.jpg
  • slide_because.jpg
  • zin.jpg
  • turchia0.jpg
  • feet.jpg
  • ppaolo.jpg
  • mar_galilea.JPG
  • sultan_choco.jpg
  • gerusalemme.JPG
  • mileto.jpg
  • pavimentum.jpg
  • slide_peace.jpg
  • turchia5.jpg
  • preghiera.jpg
  • slide_bevono.jpg
  • slide_esse.jpg
  • cappadocia.jpg
  • turchia6.jpg
  • nativitabetlem.jpg
  • slide_rocks.jpg
  • hoyran.jpg
  • iscrizcuore.jpg
  • cicogne.jpg
  • slide_11.26.31.jpg
  • pamukkale.JPG
  • stone.jpg
  • tessitrici.jpg
  • scarpe_appese.jpg
  • latinpatriarc.jpg
  • manichini.jpg
  • intestaz.jpg
  • turchia7.jpg
  • slide_cav2014.jpg
  • slide_20140816.jpg
  • giovaninanna.jpg
  • turchia2.jpg
  • turchia9.jpg
  • paperinwall.jpg
  • qumran.jpg
  • chiese.jpg
  • slide_panorama.jpg
  • jerusalem.jpg
  • turkey.jpg
  • jesuits.jpg
  • persons.jpg
  • turchia3.jpg

Cari Amici,

il Signore con voi!

Attualmente in Turchia sono presenti decine di migliaia di profughi e rifugiati, scappati a causa dei conflitti che insanguinano il Medio Oriente. Solo per farvi un esempio, al momento - novembre 2015 - sono registrati presso il Vicario Patriarcale dei Caldei a Istanbul circa quarantamila fratelli iracheni in fuga da Bagdad, Mosoul ed Erbil.

Le loro condizioni sono molto precarie, da tutti i punti di vista.

È urgente aiutare questi cristiani a restare là dove si trovano perché, finita la guerra, potranno tornare con facilità nelle loro città. Se non ricevono sostegno infatti, saranno costretti a scappare per lo più in Europa, a rischio di molte vite e con tutti gli ulteriori problemi che conseguono all’arrivo nel continente europeo.
Non possiamo permettere che il Medio Oriente, culla del Cristianesimo, si svuoti della presenza cristiana, preziosa anche per gli equilibri sociali della regione.
Inoltre, con un contributo ragionevole, lì si può fare molto, dato il tenore di vita notevolmente più basso. In Europa, con la stessa cifra si realizza poco.
In questo spazio vi verranno comunicati via via i micro progetti e le azioni ponte di solidarietà che come Vicariato di Anatolia attiveremo sul territorio. Tengo a precisare che non ci serviremo di collaborazioni esterne o intermediazioni: questo per non avere alcuna spesa aggiuntiva e garantire che le donazioni ricevute vadano interamente alle persone da aiutare.

Vi ringrazio e Vi benedico a nome di queste famiglie cristiane povere, cioè a nome di Gesù Cristo.

+ Paolo Bizzeti
Vescovo di Anatolia e presidente di Amici del Medio Oriente Onlus

 

5) Azione ponte di solidarietà - ADOTTA UN SACERDOTE
(a favore dei sacerdoti del Vicariato dell’Anatolia)

6) Sostegno caritativo e formativo al Vicariato dell'Anatolia
in collaborazione con il Centro Missionario Diocesano di Firenze


I primi quattro microprogetti sono stati finanziati.
Quanti hanno donato riceveranno nei prossimi mesi una lettera di ringraziamento del Vescovo Paolo.
Grazie per il vostro prezioso sostegno!